Riprendiamoci l’allegria di una volta!

Il capitalismo globale è un male assoluto!

Esso ha ridotto gli uomini a meri consumatori… come dei polli in batteria, sono presi in considerazione soltanto nella misura in cui sono capaci di spendere, cioè di arricchire gli gnomi dei piani alti della finanza e della grande distribuzione.

Nella vecchiaia di una millennaria civiltà, stiamo entrando nel neo-paleolitico, quando ogni individuo era solo contro il contesto avverso… Siamo soli di fronte alle arroganti ruberie di politici, burocrati e manzoniani bravi (travestiti da giornalisti, intrattenitori, accademici, operatori dei mass-media…).

Un futuro migliore, forse, ci sarà se sapremo ritrovare l’allegra capacità di inventarsi la vita che avevano i nostri padri.

Queste foto scattate nel cimitero di Militello nella prima metà del secolo scorso ci danno un’immagine di una realtà povera, ma capace di ridere e sperare dovunque, tra lacerti di bellezza architettonica che nobilitavano il vestiario miserrimo.

Ai giorni nostri è rimasta la povertà e sono morte le speranze… il vestiario,.invece, è cambiato.

E’ firmato, pretenzioso e pacchiano.

Oggi il nostro il nostro compito non è vivere, ma assolvere fino in fondo il nostro dovere di consumatori senz’anima!

Salvo Garufi

aspiranti banditi

 

chiesa dell'Immacolata

 

com'era bella Militello

 

il prete ed il bastone da passeggio

 

padre ventura ed altri

 

sotto la Croce

 

la casa

Precedente Donna Giovanna d'Austria era bona! Successivo Dorotea Barresi, personaggio politico di statura europea alla corte di Spagna, nonna di don Francesco Branciforti, principe di Militello